Visualizza
 Documenti collegati
 Consultazione
 Open community
 Articolato
Accesso rapido:  

DECRETO del 23/01/2012
Riconoscimento, alla Sig.ra Manca Alessandra, di titolo professionale estero quale titolo valido per l'esercizio, in Italia, della professione di avvocato. (12A01195)

Pubblicato su: G.U. n. 31 del 07/02/2012
Fonte: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

IL DIRETTORE GENERALE
della giustizia civile

Vista l'istanza di Manca Alessandra, nata il 1° dicembre 1970 a
Sassari, cittadina italiana, diretta ad ottenere, ai sensi dell'art.
16 del decreto legislativo n. 206/2007, il riconoscimento del titolo
professionale di cui e' in possesso ai fini dell'accesso ed esercizio
in Italia della professione di «avvocato»;
Visti gli articoli 1 e 8 della legge 29 dicembre 1990 n. 428,
recante disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti
dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea;
Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206 di attuazione
della direttiva n. 2005/36/CE del 7 settembre 2005 relativa a
riconoscimento delle qualifiche professionali;
Visto il decreto ministeriale 28 maggio 2003, n. 191, che adotta il
regolamento di cui all'art. 9 del decreto legislativo sopra citato,
in materia di prova attitudinale per l'esercizio della professione di
avvocato;
Considerato che la richiedente e' in possesso del titolo accademico
laurea in giurisprudenza ottenuto presso l'Universita' di Sassari in
data 4 novembre 1997;
Considerato che l'interessata ha inoltre prodotto certificazione
attestante il compimento della pratica in Italia come risulta da
attestazione dell'Ordine degli avvocati di Sassari;
Considerato, altresi', che l'interessata ha prodotto l'attestazione
della Corte d'Appello di Cagliari di avere superato le prove scritte
per l'esame di abilitazione alla professione forense;
Considerato che la medesima risulta avere sostenuto gli esami
richiesti dall'ordinamento spagnolo al fine dell'ottenimento del
provvedimento di omologa del titolo di accademico conseguito in
Italia a quello analogo spagnolo;
Considerato che il Ministero dell'Educacion spagnolo, con atto del
18 novembre 2010, avendo accertato il superamento degli esami
previsti nella risoluzione del 29 gennaio 2009, ha certificato
l'omologa della laurea italiana a quella corrispondente spagnola;
Considerato che l'istante ha documentato di essere iscritta
all'«Ilustre colegio de Abogados» di Madrid dal 3 gennaio 2011;
Considerato, inoltre, che ai sensi dell'art. 22, comma secondo, del
decreto legislativo n. 206/2007, per l'accesso alla professione di
avvocato il riconoscimento e' subordinato al superamento di una prova
attitudinale;
Considerato che il suddetto decreto prevede, nell'art. 2, comma
quinto, che «se il richiedente e' in possesso di titolo professionale
conseguito a seguito di percorso formativo analogo a quello richiesto
dall'ordinamento italiano, l'esame consiste nell'unica prova orale»;
Ritenuto che il riferimento al «percorso formativo analogo» debba
essere interpretato nel senso che la limitazione alla sola prova
attitudinale orale debba essere applicata solo nel caso di piena
corrispondenza del percorso formativo acquisito dalla richiedente
rispetto a quello previsto dal nostro ordinamento, attualmente basato
sui tre presupposti fondamentali della laurea, del periodo di
tirocinio e del superamento dell'esame di abilitazione;
Ritenuto che il superamento della prova scritta dell'esame di stato
per la professione di avvocato in Italia non possa essere valutato ai
fini di una riduzione della misura compensativa, considerata la
inscindibilita' dell'esame di stato stesso nelle sue parti: scritto e
orale;
Ritenuto in effetti che tale esame di stato costituisce un «unicum»
che puo' essere preso in considerazione solo nella complessita' del
suo risultato finale, che consente di riscontrare il possesso dei
requisiti minimi necessari all'esercizio della professione;
Ritenuto pertanto che ai richiedenti che abbiano superato gli
scritti dell'esame di stato in Italia vada applicata la misura
compensativa che prevede anche la prova scritta, oltre all'orale,
considerata la sua imprescindibilita' al fine di una corretta
valutazione della professionalita' dei richiedenti stessi.
Ritenuto, pertanto, che non sussistendo i presupposti per
l'individuazione di una situazione di analogia di percorso formativo,
si debba provvedere alla applicazione di una misura compensativa
composta anche di una prova scritta ai fini di colmare la differenza
sostanziale di preparazione richiesta dall'ordinamento italiano per
l'esercizio della professione di avvocato rispetto a quella acquisita
dall'interessata e al fine quindi del compiuto esame della capacita'
professionale del richiedente;
Ritenuto, quindi, che si rende necessario prescrivere una prova
attitudinale che consista nella redazione di un atto giudiziario
oltre che in una prova orale su materie essenziali al fine
dell'esercizio della professione di avvocato in Italia;
Vista le determinazioni della Conferenza di servizi nella seduta
del 27 ottobre 2011;
Considerato il conforme parere del rappresentante di categoria
nella conferenza sopra citata;

Decreta:

Alla sig.ra Manca Alessandra, nata il 1° dicembre 1970 a Sassari,
cittadina italiana, di cui in premessa quale titolo valido per
l'iscrizione all'albo degli «avvocati».
Detto riconoscimento e' subordinato al superamento della seguente
prova attitudinale, da svolgersi in lingua italiana:
a) una prova scritta consistente nella redazione di un atto
giudiziario sulle seguenti materie, a scelta della candidata: diritto
civile, diritto penale, diritto amministrativo (sostanziale e
processuale), diritto processuale civile, diritto processuale penale;
b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento e'
subordinato al superamento della prova scritta: una prova su
deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le
seguenti materie (a scelta del candidato): diritto civile, diritto
penale, diritto amministrativo (sostanziale e processuale), diritto
processuale civile, diritto processuale penale, diritto commerciale.
La richiedente, per essere ammessa a sostenere la prova
attitudinale, dovra' presentare al Consiglio Nazionale domanda in
carta legale, allegando la copia autenticata del presente decreto.
La commissione, istituita presso il Consiglio Nazionale, si
riunisce su convocazione del Presidente per lo svolgimento delle
prove di esame, fissandone il calendario. Della convocazione della
commissione e del calendario fissato per le prove e' data immediata
notizia alla richiedente al recapito indicato nella domanda.
La commissione rilascia all'interessata certificazione dell'
avvenuto superamento dell'esame, al fine dell'iscrizione all'albo
degli avvocati.
Roma, 23 gennaio 2012

Il direttore generale: Saragnano


 Versione PDF


(c) 2002-2005 www.infoleges.it -  Note legali e Condizioni d'uso